Distillerie Aperte 2012 Vicenza

Distillerie Aperte 2012 a Vicenza dal 30 settembre al 7 ottobre

Distillerie aperte 2012
Distillerie aperte 2012

Con Distillerie Aperte Made in Vicenza promuove le grappe dei colli e della pianura Berica.

 

Con il 30 Settembre e fino al 7 ottobre torna l’appuntamento per celebrare il più noto distillato Vicentino e la eccellenza sapienza delle distillerie delle terre palladiane.

Distillerie Aperte 2012 alla XVI edizione intende valorizzare l’esperienza e la storia dell’antico mestiere  del grappaiolo proponendo una visita nelle distillerie storiche della provincia di Vicenza.

Per i più appassionati l’appuntamento è in cinque “cattedrali della grappa”:
-) Distillerie Dal Toso Rino e figlio di Ponte di Barbarano,
-) Distilleria F.lli Brunello di Montegalda,
-) Distilleria Li.dia di Villaga,
-) Poli Distillerie di Schiavon
-) Distilleria Schiavo di Costabissara.

In queste aziende i visitatori saranno partiranno per un percorso tra saperi e sapori  alla scoperta del distillato per eccellenza, laddove lo si produce ed a contatto diretto con chi lo produce, il grappaiolo,

Tra caldaie ed alambicchi verranno raccontate storie e tradizioni dagli stessi maestri grappaioli per trascorrere alcune ore con l’intenso profumo di acquaviti e distillati tipici ed il loro gusto avvolgente.
Su prenotazione potranno essere effettuate anche visite alle distillerie nei giorni feriali.

 

Appuntamento con gli Spiriti
Appuntamento con gli Spiriti

Dato il grande successo riscosso nelle precedenti edizioni verrà riproposto “Sedute Spiritiche”, evento nell’evento dei distillatori vicentini.
Questa iniziativa, singolare e “spiritosa” è rivolta a tutti gli appassionati, si articola in sessioni di degustazioni  al buio, dove ciascun partecipante sarà chiamato a riconoscere le peculiarità dei distillati. Omaggio finale l’assaggiatore più preparato  nel riconoscimento delle note sensoriali dei vari distillati.

Con Distillerie Aperte anche quest’anno Made in Vicenza vuole rinnovare la sua opera di valorizzazione di un prodotto di alta qualità agroalimentare, la grappa, che è ambasciatore di cultura e tradizioni nel mondo a livello nazionale e sovra nazionale.
MAde in Vicenza vuole mantenere alta l’attenzione del grande pubblico su questo prodotto contribuendo al contempo a promuoverne  la cultura ed i consumo responsabile.

Distillerie POLI:

Impianto: Opera con un alambicco completamente di rame, fra i pochissimi ancora esistenti, composto da caldaiette a vapore a ciclo  discontinuo
Produzione: Grappa, Distillati di uva, Distillati di vino e Distillati di frutta.

Azienda a carattere artigianale, fondata nel 1898 a Schiavon, vicino a Bassano del Grappa, nel cuore della zona più tipica per la produzione della Grappa artigianale. L’edificio in cui risiede la Distilleria è  considerato di interesse storico-ambientale per la sua struttura a  porticato tipica delle antiche abitazioni rurali venete.
A Bassano  del Grappa, di fronte allo storico Ponte Vecchio, le Distillerie Poli,  Vi invitano a visitare il Poli Museo della Grappa, dove la storia  della distillazione e la storia della Grappa vengono presentate con  eleganza ed efficacia in uno spazio raccolto e suggestivo,  attraverso un percorso didattico breve ma esauriente

Distillerie SCHIAVO:

Impianto
: Distillazione con metodo discontinuo in alambicchi di rame a bassa pressione.
Produzione: Grappe di monovitigno, Grappe tradizionali, Distillato d’uva.

L’Azienda ha le sue origini nel 1887 quando il fondatore Giuseppe era solito distillare le vinacce prodotte presso le
fattorie della zona, con il suo alambicco mobile.
Dopo la 1° Guerra Mondiale fu costruito un alambicco fisso, composto da una sola caldaina e una colonnina in rame. Al fine di migliorare la qualità della grappa, negli anni ‘60 furono
eliminati i silos interrati per lo stoccaggio delle vinacce, decidendo così di lavorare solo vinacce fresche ancora grondanti di vino. Furono poi aumentate le caldaiette di altre 5 unità, la colonnina di distillazione venne portata a 9 piatti interni, facendo assumere alla distilleria l’aspetto attuale.

Lombardia ha “Sapor di Vino”

Enologia regionale DOC e DOCG con l’Onav

Onav Lombardia guiderà alla scoperta del meglio dell’enologia della regione.

Evento in programma il 13 e il 14 ottobre al Palafeste di Grumello del Monte (BG), in via Kennedy. Grazie a questo appuntamento Onav Lombadia svelerà il suo gusto “di…vino”, ma non solo.

Sapor di Vino Lombardia
Sapor di Vino Lombardia

A partire dalle ore 17 del sabato, grazie a un grande banco d’assaggio, sarà possibile scoprire il meglio dell’enologia della regione Lombardia, incontrando i produttori e degustando il frutto del loro lavoro e di una ricerca della qualità che dal vigneto arriva nel calice.

A mettere in luce le sfumature e le peculiarità di ciascun vino ci penserà Onav Lombardia, che farà conoscere agli ospiti della manifestazione tutti i segreti dei vini lombardi e le diverse qualità. Ad accompagnare il nettare di Bacco ci saranno altre chicche regionali, grazie alla partecipazione con i loro stand dei rappresentanti degli Assaggiatori di formaggi. Oltre all’Onaf anche all’Anag sarà protagonista, guidando alla scoperta delle grappe.

A Sapor di Vino di Lombardia infatti saranno presentati le eccellenze dei vini di Franciacorta, Valcalepio, Valtellina, Valtenesi, vini dell’Oltrepò, Moscato di Scanzo, Lugana, San Colombano, Garda Colli Mantovani, Lambrusco, Mantovano, Capriano del Colle, San Martino della Battaglia, Garda Classico, Cellatica, Botticino e molte IGT provenienti dalla Lombardia, in degustazione libera più di 300 etichette selezionate tra i migliori vini lombardi.

Con “Sapor di vino di Lombardia” i prodotti tipici della Lombardia non avranno più segreti grazie a degustazioni, dibattiti e molto altro.
Particolarmente affascinanti saranno le degustazioni guidate, di vino e grappe in abbinamento ai formaggi, seguite da maestri assaggiatori di ONAV, ANAG, ONAF

Tanti gli appuntamenti in programma. Domenica alle ore 15.00 si terrà il convegno “Vitivinicoltura lombarda : caratteri locali e possibili scenari internazionali“.
All’appuntamento potranno partecipare tutti acquistando all’ingresso il calice con tasca portabicchiere con un costo di euro 12 per i soci Onav e 15 euro per i non soci.

Fra le novità di quest’anno figura la rassegna “sapor di vino consiglia”, iniziativa per promuovere i ristoranti e gli agriturismi della zona.

La manifestazione sarà anche l’occasione per presentare il calendario autunnale dei corsi Onav Lombardia.

Fonte: sapordivinodilombardia.it

Aquapetra Resort&Spa

Aquapetra Resort & SPA
Aquapetra Resort & SPA

Bisogna predisporsi con l’animo da viaggiatori, più che da turisti, per decidere di partire alla volta della Campania interna tralasciando le mete patinate di Positano e la Costiera, Sorrento e le isole del Golfo; per addentrarsi nella provincia di Benevento, l’antica terra dei Sanniti, come veri wine&food hunters.

Perché quella del Sannio, incastonata tra la valle Caudina e la valle Telesina, è una campagna disegnata da vigne e uliveti centenari dove si conservano ancora pressoché intatti piccoli borghi antichi di grande valore storico-culturale.

È questa la terra in cui nasce l’Aglianico del Taburno, la più recente Docg della regione, e uno dei migliori extravergine d’oliva d’Italia. È la terra dei funghi di Cusano Mutri, della Mela annurca Igp, autentica rarità campana, dei Torroni di San Marco dei Cavoti e dell’agnello di Laticauda. Una regione per viaggiatori gourmand, da scoprire slow time anche nell’arco di un weekend: a fare da personal wine&food shopper è il concierge di Aquapetra Resort&Spa di Telese Terme (BN), indirizzo di charme ricavato dal restauro di un borgo in pietra del 1858, immerso nel verde e nel silenzio.

A partire dall’autunno 2012 Aquapetra propone il servizio “Wine&food hunters” ovvero itinerari personalizzati alla scoperta di quello che è definito il “grande vigneto della Campania” tra cantine, fattorie e frantoi per scoprire dove assaggiare e acquistare Aglianico, Coda di Volpe e Falanghina, oppure le buone varietà locali di patate, il pecorino di Laticauda, la cipolla di Bonea, i funghi di Cusano Mutri, le carni pregiate (igp) di Vitellone Bianco dell’Appennino centrale.

Il pacchetto più invitante della stagione autunnale di Aquapetra prevede un mini-fuga benessere di una notte per due persone con ricca colazione a buffet con prodotti biologici e a km zero, in camera, minibar complimentary soft drink, una cena degustazione a lume di candela presso La Locanda del Borgo, il ristorante dell’hotel nato dalle vecchie cantine e condotto dal giovane Luciano Villani, l’utilizzo della AquaSpa fiore all’occhiello di Aquapetra, ed un massaggio rilassante schiena e cervicale agli oli essenziali. Tariffe a partire da 320 euro.

Aquapetra Resort&Spa nasce dal sapiente recupero di un antico borgo in pietra con cappella del 1858. La località è Monte Pugliano a 3 Km da Telese Terme, nel cuore dell’antico Sannio Beneventano. La vecchia cantina ospita oggi La Locanda del borgo che è il ristorante del relais con bella sala interna con camino e una grande terrazza con patio per le serate d’estate. La cucina recupera le ricette del territorio esaltando sapori ed ingredienti locali con rispetto e creatività. Dove c’era il fienile si apre l’AquaSpa. Il percorso benessere comprende sauna, bagno turco, percorso Kneipp, piscina interna con idromassaggio e una serie di cabine per trattamenti di remise en forme. La piscina interna con ampia zona relax si affaccia sul verde del parco. La piscina esterna è stata realizzata in armonia con la natura circostante: una combinazione di acqua, rocce e ulivi che ne fanno una presenza discreta per momenti di puro relax.

Aquapetra Resort & Spa

Località Monte Pugliano
Telese Terme (Bn)
82037
Tel 0824 941878 – 0824 975007 – www.aquapetra.com.

Fonte: dipuntostudio.it