Vini & Miti di Carlo Giuseppe Valli

Locandina Val Tidone Wine Fest Vini e Miti Carlo Giuseppe Valli
Locandina Val Tidone Wine Fest Vini e Miti Carlo Giuseppe Valli

Carlo Giuseppe Valli già autore di libri quali: Marchesi si nasce. Questa è la mia storia (edito da Rizzoli), Bardolino che piacere. Storia, produttori, paesaggi. Itinerari enologici e gastronomici (edito da Cierre Edizioni), Cucina e Vini e Garda (Franco Muzzio Editore) e Gli antichi sapori dei mangiari di strada. Storie di cibi e di ambulanti, di voci e di parole al tempo della cultura della fame (Cierre Edizioni). Esperto e docente di marketing, membro della Associazione Stampa Agroalimentare Italiana. Conoscitore delle tradizioni popolari e studioso di storia degli alimenti.
Tradizioni popolari e storia degli alimenti hanno caratterizzato moltissimi volumi da lui pubblicati, Vini e Miti, ultima sua fatica parla del più antico alimento nella storia dell’uomo: il vino.
Un misto di racconti ed approfondimenti una visione a 360° gradi tra mito e realtà.
Come nei migliori manuali di enologia attraverso le schede tecniche degli oltre 70 vini di tutte le regioni italiane vengono riportate tutte le notizie tecniche accompagnate da storia, tradizioni e leggende. Quest’analisi tecnica e delle tradizioni porta il lettore a comprendere come fattori umani, le caratteristiche organolettiche e le peculiarità di un territorio di appartenenza possano migliorare un vino attraverso i millenni.
Ultimo capitolo del libro dedicato alle Confraternite è stato curato Gianni Staccotti, anch’egli conoscitore di storia, gastronomia, tradizioni alimentari italiane. Gianni Steccotti è stato per lungo tempo il vice presidente della ASA Associazione Stampa Agroalimentare Italiana.
Questo testo è una preziosa guida al mondo delle associazioni che sostengono e promuovono la cultura della buona tavola italiana.
Il Centro Museo Cesare Pavese al libro Vino & Miti di Carlo Giuseppe Valli riconoscendolo vincitore per la sezione saggistica de VIII edizione del Premio “Il Vino nella letteratura…” ha dato la seguente motivazione: ”Questo saggio si distingue per l’impostazione rigorosa sul piano storico-culturale. Si tratta infatti di un interessante percorso che si snoda attraverso le venti regioni d’Italia, tra i vini più rappresentativi, illustrato per schede tecniche e da notizie relative alla storia e alle tradizioni popolari”.
In occasione delle manifestazioni relative al VAL TIDONE WINE FEST si terrà un incontro conversazione con l’Autore accompagnato da una degustazione di vini, c/o TORRE FORNELLO in data 09 Settembre 2012 dalle ore 18:30.
SEGRETERIA Valtidone WineFest Tel. 0523 861823 – [email protected] e sito internet della manifestazione http://www.valtidonewinefest.it

VAL TIDONE WINE FEST per maggiori informazioni su questo evento.

Per i vini marchigiani del consorzio IMT buone prospettive per la Vendemmia 2012

La vendemmia nelle Marche è iniziata con la raccolta delle uve base spumante Verdicchio, Passerina, Pecorino e Bianchello ed entrerà nel pieno nella seconda decade di settembre con la raccolta delle uve Sangiovese e Verdicchio mentre a metà ottobre terminerà con le ultime uve di Verdicchio, Pecorino,  Passerina e Montepulciano per la tipologia passiti.

La resa uva\vino quest’anno è inferiore alla media a causa dell’andamento climatico che ha influito sulle piante fin dall’inizio con un minore rigoglio e in alcune varietà anche per dimensione degli acini che sono leggermente al di sotto della media.

La quantità di uva raccolta nel 2012 si stima leggermente superiore di circa del 0,5% in più  rispetto al 2011, ossia di 780.000 ettolitri di vino, mentre per la qualità i livelli sarebbero addirittura superiori rispetto alle raccolte precedenti. Ma i prossimi giorni saranno decisivi e ci si augura che settembre porti delle condizioni climatiche e meteoriche favorevoli atte a siglare un’annata sicuramente eterogenea compresa tra il buono e l’ottimo.

Le Marche insomma possono essere fiduciose come il resto delle regioni del Centro-Sud.

Comunque non tutto il caldo viene per nuocere. Non è possibile – spiega Alberto Mazzoni, Direttore dell’Istituto Marchigiano Tutela vini nonché presidente regionale e numero due nazionale di Assoenologi  – fare un paragone con l’annata precedente perché comunque sarà la seconda più scarsa degli ultimi 50 anni con un andamento climatico completamente diverso: il caldo nel 2011 è esploso nel mese di agosto creando un appassimento e non una maturazione delle uve. Quest’anno invece in molte zone le alte temperature hanno consentito un processo di maturazione naturale, abbattendo o limitando i trattamenti. Fatta eccezione di questa ultima settimana –continua Mazzoni – abbiamo registrato sempre delle ottime escursioni termiche: le ondate di caldo sono arrivate con un giusto intervallo l’una dall’altra e i venti provenienti da Nord hanno appunto favorito le escursioni notturne“.

Il punto di forza delle Marche sono i vitigni autoctoni . “La novità di quest’annata dal punto di vista agronomico è che i vitigni autoctoni (Verdicchio, Bianchello, Lacrima, Pecorino, Passerina, Sangiovese, Vernaccia e Montepulciano) resistono di più rispetto ai vitigni alloctoni o internazionali(Chardonnay, Cabernet e merlot). I nostri vitigni – prosegue Mazzoni – si sono acclimatati molto bene e in situazioni di siccità  la pianta ci pensa da sola a cercare acqua ed è sicuramente più lungimirante dell’uomo che vuole tutto e subito“.

Aggiunge ancora Mazzoni: “I dati analitici delle prime uve raccolte ci confortano: la scelta di puntare sui vitigni autoctoni oltre a premiare le nostre aziende dal punto di vista commerciale è stata vincente perché oggi possiamo avere un’ulteriore soddisfazione dal punto di vista della resistenza alla siccità. Chiaramente di questo caldo si avvantaggeranno i vitigni a bacca nera come il Sangiovese e il Montepulciano: quest’ultimo sarà quello che ci potrà dare più soddisfazioni dal punto di vista qualitativo“.

A quantità questa vendemmia va confrontata con la media dei raccolti degli ultimi cinque anni tenuto conto dell’estirpazione che ha privato la regione nell’ultimo triennio di almeno 1750 ettari e senza dimenticare il calo produttivo legato alla “vendemmia verde, leggermente superiore allo scorso anno (0/+0,5%)”.

Nel 2011 il vino marchigiano ha superato quota 45,7 milioni di euro, il 10% in più rispetto al 2010. Segnali positivi anche dai mercati: i prezzi all’ingrosso stanno registrando un incremento pari al 10% rispetto al 2011. Circa l’80% delle uve verrà utilizzato per la produzione di vini Doc e Docg.

www.imtdoc.it
Ufficio stampa: Serena Comunicazione S.r.l – Serena Aversano – Tel. 0422.231169
Email: [email protected]

Calici Flegrei con degustazione di Cultura

Volantino Calici Flegrei
Volantino Calici Flegrei

L’associazione Pro Loco Città di Bacoli propone Calici Flegrei con degustazione di Cultura un itinerario tutto da scoprire che dal 24 al 26 agosto 2012 collega città, archeologia, cultura, sapori, arte e tradizioni locali. Giorni di degustazioni e di festa dedicati a tutti gli amanti dell’ottimo vino e della buona cucina tradizionale locale. Ai visitatori si prospetta un cartellone ricco di eventi, che offrono l’opportunità di trascorrere piacevolissime serate, degustando i prodotti tipici accompagnati dagli eccellenti vini Flegrei nel magnifico contesto di Villa Cerillo, edificio residenziale ostruito nella seconda metà dell’800. Il vino, quindi, come occasione di convivialità, riscoperta delle tradizioni, escursioni nei borghi, ma anche passione per un prodotto che nei Campi Flegrei è frutto, prima di ogni altra cosa, di un grande amore per la terra.
Oltre a promuovere i vini Flegrei, l’evento è un’ottima occasione di promozione del territorio e degli altri prodotti. L’idea è quella di incentivare il turismo enogastronomico in modo che Bacoli ed i Campi Flegrei possano evolvere da un turismo minore ad uno di valore.

Programma

Venerdì 24 agosto
  • ore 19:00 – Inaugurazione manifestazione: Autorità Locali
  • ore 20:30 – Evengreen “La Canzone nel Mondo” Spettacolo Musicale ideato e diretto dal maestro Antonio Gamba
Sabato 25 agosto
  • ore 19:00 – Convegno “Passato, Presente, Futuro”, Storia dei Vini e Vitocoltura dei Campi Flegrei.

    Intervengono:

    • Giuliano Pollio, Professore
    • Ugo Baldassarre, Giornalista del Settore
    • Elena Martusciello, Presidente Donne del Vino
    • Dott. Vincenzo Di Meo, Enologo
    • Fabrizio Scotto di Vetta, Enologo
    • Dott. Giuseppe Illiano, Presidente Associazione Pro Loco Città di Bacoli
  • ore 21:00 – Debutto del trio: Chitarra, Piano, Sassofono
Domenica 26 agosto
  • ore 19:00 – Visita guidata su prenotazione all’Azienda Agricola la Sibilla, con escurzione al Parco Montumentale di baia.

    Visita guidata su prenotazione all’Azienda Agricola Piscina Mirabile, con escursione al Sito Archeologico Piscina Mirabilis.

  • ore 21:00 – Musica, Canti, Balli del Sud con il “Trio Mediterraneo”

Tutte le sere

“Antichi sapori bacolesi” a cura delle Associazioni: “Delle Arti e dei Mestieri” e “Antonia Maria Verna”.

Osservazione delle stelle con telescopio a cura dell’Associazione culturale “Laboratorio Cumano”.

Degustazione dei vini delle principali aziende viti-vinicole presenti sul territorio dei Campi Flegrei.